Cronaca del Viaggio esterno. Day 6. Da Tbilisi a Tbilisi (ogni tanto ci fermiamo pure noi). Chiese, Shashlik e bar del centro.

IMG_0029

Sono in una cella del commissariato di Tbilisi. Accanto a me un armeno completamente tatuato e un omaccione russo che, a differenza del loquace armeno non proferisce verbo, ma continua a sputacchiare per terra. Francesco non so dove sia, devo averlo perso nella confusione della rissa. Ma come ci sono finito? Facciamo un passo indietro.

Me lo aveva detto Shota in albergo:  – divertiti, ma qualsiasi cosa succeda, non sfidare, e soprattutto, non battere un georgiano a Kachasvili, il loro gioco da tavolo/azzardo preferito, che si gioca tirando due dadi, uno dei quali e’ visibile, mentre l’altro viene nascosto da una specie di ciotolina di legno incavato e decorato. Prima di sollevare la ciotola che nasconde il secondo dado bisogna esclamare “Lootah” e sbattere il pugno sul tavolo.

IMG_9751

Ok, non e’ vero. Nessuna rissa, nessuna cella e soprattutto nessun gioco da tavolo Georgiano farlocco. Semplicemente la prima giornata tranquilla, finalmente.

Visitiamo Tbilisi che e’ davvero bella, soprattutto quando le mura, la vecchia fortezza e le chiese sono illuminate di notte.

La notte il centro e’ vivissimo, animato da musica, svariati bar all’aperto e su terrazzi sui tetti dei palazzi. Tra le curiosita’ segnalo un “German bar” che pero’ stava suonando musica francese e un negozio di montature di occhiali in legno personalizzate.

IMG_9943

I Georgiani sono molto cordiali e simpatici e la città e’ visitata da molti turisti, quindi e’ facile comunicare in inglese quasi con tutti.

IMG_9881

Di giorno il caldo e’ soffocante e, purtroppo, dal fiume Mtkvari, le cui acque non sono esattamente limpide, arriva un terribile tanfo.

IMG_9950

Ma la sera ripaga delle sofferenze della mattina con la vitalità e le luci romantiche del centro storico. Beviamo una “Argo”, birra locale (che ci ricorda che a breve saremo a Teheran) in un locale dove suonano jazz.

Poi andiamo al “Lolita” per cena, un locale “cool” di Tbilisi con cucina a vista e un bel giardino con i tavolini.

Per arrivarci prendiamo la metropolitana, le cui stazioni, immagino opera dei sovietici, caratterizzate dalla classica architettura comunista, spiccano per la lunghissima discesa agli inferi che bisogna fare per arrivare ai binari (ad occhio quasi un chilometro di scale mobili, non oso pensare in salita se si rompono).

IMG_0032.jpg

Tbilisi e’ stata una piacevole sorpresa, città dalla bella energia dove torneremo senz’altro con più calma.

Adesso e’ il turno dei vicini armeni. Andiamo ad Erevan e se la frontiera ci sarà favorevole (ma quando mai lo e’ stata) visiteremo qualche monastero nel cammino.

Foto in miniatura cliccabili.

IMG_0054

IMG_0070

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...